El Ghibli - rivista online di letteratura della migrazione

confini incerti - agi berta

redazione uroboros

Confini incerti - Agi Berta
Edizioni Uroboros - 2013
pp. 221, 13 €

«Mia nonna si chiamava Ida Harmat. Era nata il 29 maggio 1906 a Csáktornya. Il padre, Nandor, era il sindaco stimato e amato della città, la madre Cecilia una casalinga. La piccola Ida, soprannominata Dusi (Anima in croato), aveva già un fratello di sette anni, Eugenio, e una sorella di sei, Irene. Tre anni dopo nacque un altro fratellino, il piccolo Nandor Junior». Comincia così il primo capitolo di «Confini incerti» di Agi Berta, scrittrice ungherese, napoletana d'adozione. Dagli anni Settanta, infatti, Agi vive a Napoli, dove si è laureata in Storia e Filologia dell'Europa orientale, si è sposata e ha avuto due figlie. E proprio alle figlie Sissi e Isabella l'autrice dedica questa saga familiare che si dipana tra la fine dell'Ottocento e gli inizi degli anni Cinquanta, intrecciandosi con quasi un secolo di storia d'Europa.

Gli Harmat, che appartenevano alla piccola borghesia ungherese (ma erano di origine croata), perdono i loro beni dopo la prima guerra mondiale e devono lasciare Csáktornya per trasferirsi a Budapest. Il passaggio da una situazione di privilegio allo status di profughi viene vissuto in modo diverso dai singoli membri della famiglia. A soffrirne di più, nonostante il suo coraggio di fronte alle avversità, è Cecilia: «Divenne aspra e chiusa […] e la sua nostalgia diventò il suo rifugio. Desiderava con tutte le sue forze risalire, non lasciarsi andare, non sprofondare nell'ambiente in cui stava vivendo». La sua frustrazione ricade anche sul marito Nandor. «I coniugi vivevano lo stesso isolamento ma senza riuscire a comunicare o a condividere le reciproche sofferenze. Nandor, che amava profondamente la moglie, si sentiva in colpa per aver tradito le sue aspettative. La responsabilità non era sua, ma questo non lo assolveva dal rimorso». L'uomo accetta a malincuore l'aiuto del ricco suocero Mráz – che gli trova un impiego e accoglie nella sua casa Irene ed Eugenio – ma rifiuta con orgoglio di lasciargli mantenere anche i figli più piccoli. Mentre la bella Irene, che desidera riscattarsi attraverso un buon matrimonio, accetta di vivere in casa Mráz, Eugenio è insofferente all'autorità del nonno. Si unisce ai socialisti ma in seguito è costretto a fuggire in esilio in Austria.

Tra i ragazzi Harmat è il piccolo di casa Nandor Junior a sentire maggiormente il peso del rimpianto per il passato trasmesso loro da Cecilia. «Ricordava la bella casa, la camera dei giochi, l'immagine di sua madre allegra e giovane al pianoforte luccicante, il giardino con gli enormi salici piangenti, l'altalena. Rammentava le balie, le cameriere, la cui unica preoccupazione era il suo benessere. Quest'immagine idilliaca del tempo della sua prima infanzia rimase impressa nella mente di Nandor Junior, e determinò in seguito ogni sua scelta esistenziale». Desideroso di crearsi un'identità nazionale esclusivamente ungherese, il giovane abbraccia la carriera militare. Molti anni dopo, durante il secondo conflitto mondiale, si schiererà con i nazisti.

Dusi, al contrario, cerca di sfuggire alla nostalgia del passato e in contrasto con le convenzioni del tempo sceglie di essere indipendente, di studiare e diventare insegnante.

Sullo sfondo del racconto delle peripezie degli Harmat si succedono i governi e le dittature, cambiano le frontiere, una nuova guerra mondiale sconvolge l'Europa. «Confini incerti» si chiude con il battesimo dell'autrice, nel dicembre del 1952: il futuro è un'incognita ma c'è una nota di speranza.

Agi Berta evoca con vivezza ambienti, atmosfere, personaggi. Anche gli oggetti acquistano un significato profondo, come il pianoforte per le donne di casa Harmat. La musica era parte integrante dell'educazione dell'epoca e le signorine «bene» dovevano saper suonare il piano. Ma per le ragazze di allora la musica aveva un valore più intimo, come Dusi spiegherà anni dopo alla giovane Agi: «La musica è tutto. Specie per noi donne che dobbiamo mantenere un contegno misurato e che non sempre possiamo esprimere ciò che portiamo nell'anima. La musica è libertà che permette di sognare». Così la perdita del pianoforte che Cecilia deve abbandonare a Csáktornya o di quello che trent'anni dopo Dusi vedrà fare a pezzi da un gruppo di soldati russi ubriachi, diventa simbolo tangibile dello sradicamento e della perdita dell'identità.

Il romanzo è ricco di aneddoti e di figure secondarie che restano impresse nella memoria del lettore. Come l'episodio delle mogli in visita ai mariti nel carcere di Cakovec (il nome croato di Csáktornya) nel primo capitolo; o il personaggio della signora Katalin, dolce cupido che a teatro vende a Dusi e al suo futuro marito István biglietti di poltrone vicine perché i due giovani possano conoscersi; o ancora quello dell'ambiguo sacerdote Pater Janos, del quale Nandor Junior diventa fedele discepolo.

Lo stile di Agi Berta è asciutto, privo di retorica. Una sobrietà che si traduce spesso in immagini molto belle e potenti: «La donna era la vedova di un operaio, morto in un incidente sul lavoro, risucchiato dalla macchina che tagliava i listelli di legno. Era rimasto ben poco del povero corpo del signor Marek. I compagni che avevano portato la bara sulle spalle fino al cimitero non ne avevano sentito quasi il peso».

Ma c'è anche molta ironia nel modo di raccontare di Agi e nella caratterizzazione dei personaggi. Un umorismo lieve che fa da contrappeso ai momenti più drammatici della storia.

A tratti l'autrice sembra quasi voler mettere una distanza tra sé e ciò che racconta, come per allontanare un possibile coinvolgimento emotivo. Un distacco, però, che viene meno in molti passaggi del libro, differenziati anche graficamente dall'uso del corsivo: brevi annotazioni personali, impressioni legate a ricordi diretti dei suoi familiari. Il libro di preghiera di Cecilia con le date di nascita dei figli segnate sulla prima pagina; Irene, alla quale la vecchiaia e una tintura hanno fatto perdere le sopracciglia, che raccomanda ad Agi di non farsi mai ritoccare le proprie, perché «Niente esprime meglio il carattere». Il pudore di Eugenio; la solitudine di Nandor Junior; Dusi che suona Chopin sull'organo costruitole pezzo per pezzo da István. Frammenti di vita che completano questa storia di famiglia che si legge tutta d'un fiato.

«Confini incerti» verrà presentato a Milano lunedì 30 settembre alle 20.45 presso la Cooperativa La Liberazione, in via Lomellina 14. Con l'autrice dialogherà Marco di Puma, di Radio Popolare.



settembre 2013

Home | Contatti | Notizie

Ultime recensioni

Letteratura nascente e dintorni
Francesco cosenza

 

Archivio

madrelingua
Julio Monteiro Martins
Es gab einmal die Alpen
(a cura di) Gino Chiellino
Raccontando,...cantando a mezz'aria - canti per bambini e fiabe da tutto il mondo
Oliviero Biella e candelaria Romero
maldiluna
Gëzim Hajdari
Il grande viaggio
Giuseppe Cederna
DIS-INTEGRARSI Cercando la libertà
Joseph M. Kamsu Tchuente
solo andata
Erri De Luca
qui e là
Christiana de Caldas Brito
Il burattinaio
Lily-Amber Laila Wadia
Il maestro di Tango
Miguel Angel Garcia
La sposa degli dèi
Kossi Komla-Ebri
Rhoda
Igiaba Scego
Stranieri di carta
Giovanna Stefancich e Paola Cardellicchio
pecore nere
Gabriella Kuruvilla, Ingy Mubiyai, Igiaba Scego, Laila Wadia
Dall'altra parte del mare
Erminia Dll'Oro
Eduart
Artur Spanjolli
La musica della balena azzurra
Adonis
Il paese dove non si muore mai
Ornela Vorpsi
La grande casa di Monirrieh
Bijan Zarmandili
il mosaico del tempo grande
Carmine Abate
I sessanta nomi dell'amore
Tahar Lamri
Allunaggio di un immigrato innamorato
Mihai Mircea Butcovan
L'opposta riva
Fabiano Alborghetti
I panorami del contemporaneo
Eleonora Fiorani
Nell'uovo cosmico
Helene Paraskeva
Scontro di civiltà per un ascensore a piazza Vittorio
Amara Lakhous
L'occhio della terra, a cura di Pietro Deandrea
Niyi Osundare
NERVATURE
Gregorio Carbonero
Borgo Farfalla
Mihai Mircea Butcovan
ALIDA
T.F. Brhan
500 temporali
Christiana de Caldas Brito
I figli africani di Dante
Giuseppina Commare
Voglio un marito italiano
Marina Sorina
Gatti come angeli
Loredana Magazzeni e Andrea Sirotti (a cura)
la teqja
artur spanjolli
Poema dell'esilio
Gëzim Hajdari
Rue des italiens
Girolamo Santocono
oggi forse non ammazzo nessuno
Randa Ghazy
Le lezioni di Selma
Sarah Zuhra Lukanić
Madre piccola
Cristina Ali Farah
Regina di fiori e di perle
Gabriella Ghermandi
L'accusa silenziosa
Artur Spanjolli
Cercando Lindiwe
Valentina Acava Mmaka
ai confini del verso- poesia della migrazione in italiano
Mia Lecomte (a cura)
Letteratura nascente-Letteratura italiana della migrazione. Autori e poetiche
Raffaele Taddeo
Io, l'altro
Mohsen Melliti
Amiche per la pelle
Laila Wadia
I prigionieri di guerra
Tamara Jadrejčić
La talpa nel soffitto
Yousef Wakkas
Peligòrga
Gëzim Hajdari
L'amore scritto
Julio Monteiro Martins
Nuovo Planetario Italiano
Armando Gnisci (a cura)
Il buio del mare
Ron Kubati
Vita e sogni
Kossi Komla Ebri
Il canto del Djali
Cheikh Tidiane Gaye
Vertigo
Arnold de Vos
Borgo farfalla
Mihai Mircea Butcovan
il circo capovolto
Milena Magnani
Il cane alato
Božidar Stanišić
il fuggitivo
Pramoedya Ananta Toer
Razza partigiana. Storia di Giorgio Marincola (1923-1945)
Carlo Costa, Lorenzo Teodonio
Seppellite la mia pelle in Africa. Poesie e brevi racconti
Hamid Barole Abdu
E' la vita, dolcezza
Kuruvilla Gabriella
viviscrivi
Christiana de Caldas Brito
Tempo della rottura-tempo della dialettica-tempo della progettualità nella letteratura dell'immigrazione italiana in Svizzera
Raffaele De Nuccio
La pelusa
Adrian N. Bravi
Sud 1982
Adrián N. Bravi
Una bambina soldato. Vittima e carnefice nell'inferno dell'Uganda
China Keitetsi
Metà di un sole giallo
Chimamanda Ngozi Adichie - Traduzione Susanna Basso
La moneta d'oro
Ken Bugul - traduzione dal francese di Ombretta Marchetti
migrazioni e paesaggi urbani
A.A.V.V. a cura di Melita Richter malabotta
Oltre Babilonia
Igiaba Scego
L'occidentalista
Abdelmalek Smari
Aukuí
Fatima Ahmed
I lupi della notte
Amor Dekhis
Fogli di via
Gianpaolo Trevisi. Racconti di un vicequestore
La moneta d'oro
Ken Bugul
Lingue e letterature in movimento
Silvia Camilotti (a cura)
Crescere diritti - Guida pratica di educazione alla mondialità
Mercedes Mas Solè
Il Brasile per le strade
Silvia Marianecci (a cura)
l'uomo alla finestra
anna belozorovitch
Aukuì
Fatima Ahmed
Tè al samovar. Voci dal gulag sovietico
Ingrid Coman
Due volte
Jadelin Mabiala Gangbo
Educazione siberiana
Nicolai Lilin
Tagliato per l'esilio
Karim metref
Ode nascente
Cheikh Tidiane Gaye
Rosso come una sposa
Anilda Ibrahimi
L'impostore
Damon Galgut
Poeti sudafricani del post-apartheid
Raphael D’Abdon (a cura)
Meltèmi
Helene Paraskeva
L'amore e gli stracci del tempo
Anilda Ibrahimi
Roba da donne. Emancipazione e scrittura nei percorsi di autrici dal mondo
Silvia Camilotti (a cura)
Roma senza fissa dimora
Gabriele Del Grande
Nuovo Immaginario Italiano
m. cristina mauceri, m. grazia negro
Rom e Sinti in Italia
Giulio Soravia
Del postmoderno
Peter Carravetta
La casa dei ricordi
Amilca Ismael
Vite senza permesso
Manuela Foschi
Le gambe di Alice
Nimrod
Giorni di sole, giorni di neve
Fabrizio e Nicola Valsecchi
Rondini e ronde. Scritti migranti per volare alto sul razzismo
a cura di Silvia De Marchi
Il mare di mezzo - al tempo dei respingimenti
Gabriele Del Grande
2022 - Destinazione Corno d'Africa
Maurilio Riva
Pianure Migranti – un’inchiesta geostorica tra Emilia e Argentina
Antonio Canovi
Un giorno di pioggia a Madras
Samina Ali
Poetica e teatro civile
Candelaria Romero
Vivere per addizione
Carmine Abate
Lo sguardo del leone
Maaza Mengiste
La ferita di Odisseo-il "ritorno" nella letteratura della migrazione italiana
raffaele taddeo
L'ultima carovana della Patagonia
Raùl Argemì - Traduttore Raul Schenardi
Vedere ogni notte le stelle
Erminia Dell'Oro
Nuvole sull'equatore
Shirin Ramzanali Fazel
Poesia dell'esilio - Saggi su Gëzim Hajdari
Andrea Gazzoni a cura
Il ristorante dell'amore ritrovato
Ito Ogawa
Sono ateo e ti amo
Irene Chias
Luoghi incerti
Stefanie Golisch
Katerina e la sua guerra
Barbara Serdakowski
Piccola intervista - sull'eleganza del fiore che muore
Hannah Jonà Listieva
Fra-intendimenti
Kaha Mohamed Aden
La mia casa è dove sono
Igiaba Scego
Il fazzoletto bianco
Viorel Boldis
Corri Lidja, corri
Paul Bakolo Ngoi
Migrando
Mariana Chiesa Mateos
Divorzio all'islamica a viale Marconi
Amara Lakhous
Le rondini di Montecassino
Helena Janeczek
Sbarco a Milano
Velasco Vitali
Tra mura di vento
Rosana Crispim Da Costa
Questa non è una baby-sitter
Gabriella kuruvilla
L’albero felice
Florance Faval
Poesie di fine mondo
Candelaria Romero
Per chi crescono le rose
Ingrid Beatrice Coman
Il fiume nel mare
Alessio Brandolini
Il legame
Fabio Omar el Ariny
Fra oceani
Iyara Bagala
Le Ragazze di Benin City
Laura Maragnani e Isoke Aikpitanyi
fra-intendimenti
Kaha Mohamed Aden
Luoghi incerti
Stefanie Golisch
Il mio nome è Regina
Marie Reine Toe
Come diventare italiani in 24 ore. Il diario di un’ aspirante italiana
Laila Wadia
Piccolo grande Uruguay
Alicia Baladan
Chiamatemi Sandokan. Un omaggio a Emilio Salgari
Fabian Negrin
Luoghi incerti
Stefanie Golisch
Buongiorno compagni
Ondjaki
Un mare così ampio/ I racconti-in-romanzo di Julio Monteiro Martins
Rosanna Morace
Terre di andata - Poesie&proesie
Carmine Abate
Curve alfabetiche
Cheikh Tidiane Gaye
Dall’altra Sponda
Alexander I. Herzen
Babel Hotel
Ramona Parenzan (a cura)
Il racconto di Nadia
Amilca Ismael
Affronti-Tracce d'Africa
Raffaella Cuccia
CECILIA, comunità anarchica sperimentale
Giovanni Rossi
L'onore dei Kéita
Moussa Konaté
Il fiume nel mare
Alessio Brandolini
lacarnequandoèsola
Vera Lúcia de Oliveira
Corrispondenze ai margini dell'Occidente
Loris Ferri - Stefano Sanchini
lacarnequandoèsola
Vera Lúcia de Oliveira
Aqua nuda
Laura Fusco
Cuori di sabbia
Buosso Thioune Benussi
L'arco della pace
Carlo Vallauri
Zogru
Doina Rusti - traduzione di Roberto Merlo
Cuori di sabbia
Bousso Thioune Benussi
Introduzione al mondo - notizie minime sopra gli spacciatori di felicità
Idolo Hoxhvogli
L'amore precario
Martino Fausto Rizzotti
La collina del vento
Carmine Abate
La collina del vento
Carmine Abate
L'étreinte des rimes - rime abbracciate
Cheikh Tidiane Gaye - Maria Gabriella Romani Kouacou
Milano, fin qui tutto bene
Gabriella Kuruvilla
Nûr eresia e besa
Gëzim Hajdari
Il famoso magico qukapik
Darien Levani
La Somalia non è un’isola dei Caraibi. Memorie di un pastore somalo in Italia
Mohamed Aden Sheikh
European Multi-Culturalism Revisited
Alessandro Silj
Scrittura e migrazione – Una sfida per la lingua italiana
Laura Barile, Donata Feroldi e Antonio Prete (a cura)
L'arcobaleno di Rebecca
Rebecca Covaciu
Roberto
Anna Belozorovitch
Il complesso di Giano
Clementina Coppini
Essere pioggia
Anna Belozorovitch
E chi se ne frega di Meryl Streep! (Tistifil Miril Strib)
Rashid Daif
Chicago
Ala’ al Aswani
Letteratura-mondo italiana
Rosanna Morace
Mopaya. Colui che porta in sé l’altrove
Douna Loup e Gabriel Nganga Nseka
Habibi
Craig Thompson - Traduzione di Randa Ghazy
Ripensare la letteratura e l'identità
Silvia Camilotti
Regalo di nozze
Andrea Vitali
Da da da
Laura Fusco
Piccolo, rosso e altri racconti
Božidar Stanišić
Io, venditore di elefanti
Pap Khuoma (con introduzione di Oreste Pivetta)
Satul fara mamici - il villaggio senza madri
Ingrid Beatrice Coman
Se tutte le donne
Laila Wadia
Rom (uomo)
Loris Ferri
Prendi quello che vuoi, ma lasciami la mia pelle nera
Cheikh Tidiane Gaye
Lucciole imperatrici
Helene Paraskeva
Il metrò
Donato Ndongo Bidyogo
Tutto scorre come un fiume
Carlos Sánchez
Intanto il tempo
Mia Lecomte
Contesa per un maialino italianissimo a San Salvario
Amara Lakhous
L'Espagnole
Raffaella Greco Tonegutti
Un bel sogno d'amore
Andrea Vitali
Associazionismo ed emigrazione- Storia delle Colonie Libere e degli Italiani in Svizzera
Toni Ricciardi
Postcolonialismo italiano
Franca Sinopoli (a cura)
Confidenze confidenziali
Natalia Bondarenko
Per arrivare a sera
Milton Fernandez
Merk e i gatti
Andrea Vitali - Giancarlo Vitali
Confini incerti
Agi Berta
Il bacio del pane
Carmine Abate
L'albero e la vacca
Adrian Bravi
Inclini all'amore
Tijana M. Djerković
150 grammi di poesia d'amore
Viorel Boldis
Lontano da Mogadiscio
Shirin Fazel Ramzanali
Julio Monteiro Martins
La grazia di casa mia
Narrazioni contese
Chiara Mengozzi

 

 

 

©2003-2014 El-Ghibli.org
Chi siamo | Contatti | Archivio | Notizie | Links