El Ghibli - rivista online di letteratura della migrazione

luoghi incerti - stefanie golisch

mimma albini

Luoghi incerti - Stefanie Golisch
Cosmo Iannone - 2010
pp. 228, 14 €

Che cosa è Luoghi incerti?

Romanzo? Pagine di diario? Appunti di viaggio? Autobiografia? Flusso di memoria?

Del romanzo non ha una storia ma ha un intreccio, direi l’intreccio per eccellenza. Quello della vita. Al centro della sua scrittura c’è infatti il desiderio, che diventa bisogno profondo, di andare oltre la  scorza di vicende, viaggi, incontri, letture, ricordi, che la vita offre per capire qualcosa di più del proprio passato e potersene finalmente congedare, come scrive a pag. 15:

 

 “Non si può assolutamente essere allo stesso tempo chi si è stato e chi si è. Deciditi: o permetti alla paura di trattenerti o prendi coraggio e ti butti nelle braccia del caldo vivere”.

 

Come in un romanzo ci sono storie nella storia, ci sono frammenti di piccole storie, come quelle dei nonni e dei genitori che si intrecciano con la grande storia della Germania delle guerre e dei dopo guerra, e personaggi, delineati con pochi tratti ma subito visibili al lettore, perché colti ognuno nella propria peculiare essenza. Non importa se essi siano familiari, conoscenti, amici, oppure personaggi letterari, o addirittura scrittori e poeti. Il mondo di Stefanie è generoso e accogliente, non valuta con il metro del successo ma con quello dell’umanità e descrive persone o personaggi, creatori o creature, vivi o morti, con la stessa partecipe e intensa sensibilità per andare oltre l’apparenza e cogliere, magari da dettagli insignificanti, il nucleo di un’esistenza, l’ombra dietro la luce, il dramma inespresso di una vita.

 

Diario di viaggio

Ci sono molti luoghi a fare da sfondo e non solo (a volte acquisiscono essi stessi lo status di protagonisti) alla narrazione di Stefanie. Luoghi con un nome preciso e unico, come Lemgo, la piccola città nel nord-ovest della Germania dove è nata e da cui sente che deve allontanarsi al più presto, Marsiglia, meta improvvisata di una prima vacanza finalmente senza la famiglia, insieme a un gruppo di amici, Parigi, dove trascorre un lungo periodo dopo la maturità come ragazza alla pari, spinta dal desiderio di liberarsi dalla provincialità della sua origine, che sente come una trappola, gli Stati Uniti, tappa ulteriore della necessità di prendere le distanze definitive, Berlino, città cui approda nella maturità e nelle cui ferite e contraddizioni riconosce quasi come in uno specchio le proprie, e l’Italia, declinata in una molteplicità di luoghi, dove risiede da più di vent’anni. Tutti questi luoghi (e molti altri), oltre ad essere quello che sono, rappresentano luoghi interiori, mappe di sentimenti, emozioni, intenzioni già presenti in un tempo passato ma che solo la parola che scava riesce a cogliere oggi nella loro intrecciata e ambivalente complessità.

 

Già, perché è proprio la venerazione della “parola”, (non penso di esagerare se affermo che per Stefanie si tratta di una devozione quasi religiosa), in nome della quale ripercorre le proprie esperienze, che le permette di giungere al nucleo di esse, e di trovarlo, in alcuni casi, ancora incandescente, e in altri caldo, ma mai, invece raffreddato. Qui, in questo centro la letteratura e la vita si congiungono.

 

Letteratura e vita

La scrittura di Stefanie è continuamente costellata da riferimenti letterari, da versi di poesie a lei particolarmente care, da aneddoti sulla vita dei suoi autori preferiti. Nei suoi scritti si avverte fortissima la presenza della letteratura nella vita, che non è presenza accessoria bensì necessità vitale, percepita e assecondata dall’autrice fin dall’adolescenza. Dunque un intreccio fitto di letteratura e vita, che non rappresenta lo sfoggio intellettuale di uno scrittore che vuole stupire o far pesare una sua presunta superiorità. Dietro ogni citazione è immediato sentire la passione che l’ha, come dice lei stessa, istintivamente guidata verso le opere di quegli scrittori nei quali coglieva delle ferite, le medesime che riconosceva in sé. E a questi incontri, letterari, ma proprio per questo ancora più intensi perché agiti in una dimensione ideale, si presenta con tutta se stessa, senza risparmiarsi, con una devozione e un’attenzione all’altro, come ci si presenta ad un appuntamento amoroso.

 

In questo modo nascono molte relazioni, con Uwe Johnson, su cui imposta la sua tesi di dottorato, Ingeborg Bachmann, Nabokov, e poi tanti poeti, Rilke, Benn, nessuna in conflitto con l’altra, poiché, a differenza della vita, nella dimensione letteraria amori plurimi possono convivere felicemente, senza timori di gelosia o sospetti di tradimento.

E la citazione quindi diviene, anch’essa, un luogo incerto, il punto d’incontro tra due esseri simili, il terreno su cui la letteratura e la vita si riconoscono e si parlano.

 

A dimostrazione dell’importanza di questa frequentazione con la letteratura, che è iniziata per S. molto presto e continua con una sempre maggiore consapevolezza, è il capitolo dal titolo Leggere, non a caso preceduto dal capitolo intitolato Vivere. Tra leggere e vivere non c’è alcuna differenza: con i libri ci si avvicina e ci si allontana, si esulta e si soffre, ci si innamora e ci si delude, ci si lascia e ci si trova, si gioisce e ci si annoia, in un’inesauribile alternanza, esattamente come nella vita.

 

Autobiografia

Si potrebbe dire che Luoghi incerti sia un’autobiografia. E’ vero. Al centro del libro c’è sempre l’autrice, che ripercorre il proprio passato per congedarsi da esso e indaga, in misura minore, il presente. Ma, ad ispirare questo cammino a ritroso è il forte desiderio di spogliarsi di un io troppo ingombrante, di liberarsi dalle angustie di un’identità per abbracciarne tante, per dare spazio ai vinti, ai falliti, ai dimenticati. E così presta la parola a tante figure, uomini e donne che non hanno avuto la possibilità, perché vittime delle circostanze storiche, di un destino personale beffardo o semplicemente incurante, o del tempo di una vita, che si è conclusa troppo presto, come se volesse riscattarli e offrire loro la “vera” opportunità. Quella di esserci stato. Una vita, qualsiasi vita, non può trascorrere invano, scorrere come se fosse trasparente e non lasciare traccia. Attraverso la parola quell’uomo o quella donna tornerà ad esistere e grazie alla pagina conoscerà una visibilità sfuggita, in vita, a sé e agli altri, la sua umanità non andrà sprecata.

 

Conosco Stefanie da anni e trovo sempre sorprendente questa sua capacità di entrare con sensibilità e discrezione, ma anche con ferma consapevolezza, nelle vite degli altri per poi mettere al loro servizio la propria letteratura, la propria parola, con la medesima attenzione che rivolge a scrittori e poeti.

 

Il libro sfugge ad ogni tentativo di rinchiuderlo in una definizione, in un rassicurante recinto, come fosse un cavallo che non si piega ad essere domato, ma corre orgogliosamente libero in una prateria dai confini che si perdono alla vista. Luoghi incerti è tutto quello che si è detto ma anche molto altro.

 

L’autrice penetra e ci fa penetrare con lei nei suoi luoghi incerti che sono anche i nostri, nelle ferite ancora aperte e in quelle rimarginate di cui non nasconde le cicatrici, insomma ci offre il suo coraggio e la sua disponibile compagnia affinché ci possiamo sporgere sul suo abisso, che è il nostro, ma sul quale ognuno decide quanto è in grado di resistere prima di perdere l’equilibrio. Stefanie si/ci propone quest’avventura, che inquieta più che rassicura e a volte tormenta, non per trovare a tutti i costi una soluzione conciliatrice ma nemmeno per abbandonarsi/ci spaventati e insicuri sul ciglio del burrone, incapaci di avanzare così come di retrocedere.

 

Nell’ultimo capitolo “Il mio testimone”, scritto in una prosa che si fa sempre più astratta e poetica, i fili s’incontrano e s’intrecciano di nuovo, i vari rivoli andati nelle più diverse direzioni, riaffluiscono nel fiume da cui si erano allontanati, tornano alla narrazione centrale, a quell’intreccio della vita, nelle cui oscurità e meandri l’autrice, nel primo capitolo, rivelava il timore e, al contempo, il desiderio di inoltrarsi.

 

Tutti gli strati che ha indagato e tutti quelli che ancora, e forse per sempre, restano impenetrabili, raccontano la complessità avvincente, fatta di contraddizioni e ambivalenze, di collegamenti e casualità, di necessità e volubilità, della vita, la cui logica sfugge. Pur tuttavia in questo groviglio incomprensibile riesce a cogliere una certezza: la sua forza inarrestabile che procede, malgrado tutto e che investe di sé ogni essere della terra e che, in ogni essere, dà luogo a infinite trasformazioni e metamorfosi, generandosi e rigenerandosi continuamente.

 

“Quante voci, maschere, travestimenti, oltraggi e fiacche parole d’amore, quanta vita in un singolo uomo, quanti uomini in un uomo, donne in una donna, quante possibilità e quante occasioni perse, parole non dette, gesti dimenticati, progetti lasciati a metà.”

Svelati.

Senza palpebre ti voglio, pronto a riconoscerti negli occhi del tuo peggior nemico che è sempre al tuo fianco, che ti ama e ti protegge, il tuo testimone.”

 

Questo è un invito a tutti noi: guardare e guardarsi senza troppe certezze, senza rassicuranti pregiudizi, andare oltre la soglia che ci fa percepire la realtà come tale, per scoprire nuove terre, alla ricerca di altri luoghi incerti, aiutati dalla presenza, tra le altre, di

un’ insostituibile compagna cui non dovremmo mai permettere di abbandonarci: l’immaginazione.   

 

Vorrei segnalare due caratteristiche sul piano formale: il ritmo, sempre concentrato e l’originalità della lingua.

Non ci sono mai momenti di noia, indipendentemente dal tema trattato. Il ritmo sempre incalzante, senza interruzioni produce una narrazione tesa e densa. Sono convinta che ciò sia la naturale conseguenza della perfetta adesione tra l’interiorità sempre all’erta dell’autrice e la parola che la descrive. Per usare una metafora mi viene in mente l’arco teso, dove prima della mano è la concentrazione di chi lo imbraccia a scoccare a segno la parola-freccia.

 

La lingua, forse perché l’imprinting linguistico non è avvenuto con l’italiano, che, pur essendo la sua lingua da vent’anni, è comunque una lingua d’arrivo, è caratterizzata da un’originalità di fondo. Il lessico scelto, le coppie di nomi ed aggettivi non appaiono mai banali o scontati. E’ come se Stefanie, scegliendo l’italiano, abbia scelto una libertà, oltre che psicologica, anche linguistica, fuori dai canoni che la cultura e la tradizione del proprio paese impongono di rispettare. Come se, da straniera, abbia ancora a disposizione una lingua “innocente”, non ancora abusata o logorata, che perciò mantiene, al tempo stesso, freschezza e pregnanza.

 

 

  

Home | Contatti | Notizie

Ultime recensioni

Letteratura nascente e dintorni
Francesco cosenza

 

Archivio

madrelingua
Julio Monteiro Martins
Es gab einmal die Alpen
(a cura di) Gino Chiellino
Raccontando,...cantando a mezz'aria - canti per bambini e fiabe da tutto il mondo
Oliviero Biella e candelaria Romero
maldiluna
Gëzim Hajdari
Il grande viaggio
Giuseppe Cederna
DIS-INTEGRARSI Cercando la libertà
Joseph M. Kamsu Tchuente
solo andata
Erri De Luca
qui e là
Christiana de Caldas Brito
Il burattinaio
Lily-Amber Laila Wadia
Il maestro di Tango
Miguel Angel Garcia
La sposa degli dèi
Kossi Komla-Ebri
Rhoda
Igiaba Scego
Stranieri di carta
Giovanna Stefancich e Paola Cardellicchio
pecore nere
Gabriella Kuruvilla, Ingy Mubiyai, Igiaba Scego, Laila Wadia
Dall'altra parte del mare
Erminia Dll'Oro
Eduart
Artur Spanjolli
La musica della balena azzurra
Adonis
Il paese dove non si muore mai
Ornela Vorpsi
La grande casa di Monirrieh
Bijan Zarmandili
il mosaico del tempo grande
Carmine Abate
I sessanta nomi dell'amore
Tahar Lamri
Allunaggio di un immigrato innamorato
Mihai Mircea Butcovan
L'opposta riva
Fabiano Alborghetti
I panorami del contemporaneo
Eleonora Fiorani
Nell'uovo cosmico
Helene Paraskeva
Scontro di civiltà per un ascensore a piazza Vittorio
Amara Lakhous
L'occhio della terra, a cura di Pietro Deandrea
Niyi Osundare
NERVATURE
Gregorio Carbonero
Borgo Farfalla
Mihai Mircea Butcovan
ALIDA
T.F. Brhan
500 temporali
Christiana de Caldas Brito
I figli africani di Dante
Giuseppina Commare
Voglio un marito italiano
Marina Sorina
Gatti come angeli
Loredana Magazzeni e Andrea Sirotti (a cura)
la teqja
artur spanjolli
Poema dell'esilio
Gëzim Hajdari
Rue des italiens
Girolamo Santocono
oggi forse non ammazzo nessuno
Randa Ghazy
Le lezioni di Selma
Sarah Zuhra Lukanić
Madre piccola
Cristina Ali Farah
Regina di fiori e di perle
Gabriella Ghermandi
L'accusa silenziosa
Artur Spanjolli
Cercando Lindiwe
Valentina Acava Mmaka
ai confini del verso- poesia della migrazione in italiano
Mia Lecomte (a cura)
Letteratura nascente-Letteratura italiana della migrazione. Autori e poetiche
Raffaele Taddeo
Io, l'altro
Mohsen Melliti
Amiche per la pelle
Laila Wadia
I prigionieri di guerra
Tamara Jadrejčić
La talpa nel soffitto
Yousef Wakkas
Peligòrga
Gëzim Hajdari
L'amore scritto
Julio Monteiro Martins
Nuovo Planetario Italiano
Armando Gnisci (a cura)
Il buio del mare
Ron Kubati
Vita e sogni
Kossi Komla Ebri
Il canto del Djali
Cheikh Tidiane Gaye
Vertigo
Arnold de Vos
Borgo farfalla
Mihai Mircea Butcovan
il circo capovolto
Milena Magnani
Il cane alato
Božidar Stanišić
il fuggitivo
Pramoedya Ananta Toer
Razza partigiana. Storia di Giorgio Marincola (1923-1945)
Carlo Costa, Lorenzo Teodonio
Seppellite la mia pelle in Africa. Poesie e brevi racconti
Hamid Barole Abdu
E' la vita, dolcezza
Kuruvilla Gabriella
viviscrivi
Christiana de Caldas Brito
Tempo della rottura-tempo della dialettica-tempo della progettualità nella letteratura dell'immigrazione italiana in Svizzera
Raffaele De Nuccio
La pelusa
Adrian N. Bravi
Sud 1982
Adrián N. Bravi
Una bambina soldato. Vittima e carnefice nell'inferno dell'Uganda
China Keitetsi
Metà di un sole giallo
Chimamanda Ngozi Adichie - Traduzione Susanna Basso
La moneta d'oro
Ken Bugul - traduzione dal francese di Ombretta Marchetti
migrazioni e paesaggi urbani
A.A.V.V. a cura di Melita Richter malabotta
Oltre Babilonia
Igiaba Scego
L'occidentalista
Abdelmalek Smari
Aukuí
Fatima Ahmed
I lupi della notte
Amor Dekhis
Fogli di via
Gianpaolo Trevisi. Racconti di un vicequestore
La moneta d'oro
Ken Bugul
Lingue e letterature in movimento
Silvia Camilotti (a cura)
Crescere diritti - Guida pratica di educazione alla mondialità
Mercedes Mas Solè
Il Brasile per le strade
Silvia Marianecci (a cura)
l'uomo alla finestra
anna belozorovitch
Aukuì
Fatima Ahmed
Tè al samovar. Voci dal gulag sovietico
Ingrid Coman
Due volte
Jadelin Mabiala Gangbo
Educazione siberiana
Nicolai Lilin
Tagliato per l'esilio
Karim metref
Ode nascente
Cheikh Tidiane Gaye
Rosso come una sposa
Anilda Ibrahimi
L'impostore
Damon Galgut
Poeti sudafricani del post-apartheid
Raphael D’Abdon (a cura)
Meltèmi
Helene Paraskeva
L'amore e gli stracci del tempo
Anilda Ibrahimi
Roba da donne. Emancipazione e scrittura nei percorsi di autrici dal mondo
Silvia Camilotti (a cura)
Roma senza fissa dimora
Gabriele Del Grande
Nuovo Immaginario Italiano
m. cristina mauceri, m. grazia negro
Rom e Sinti in Italia
Giulio Soravia
Del postmoderno
Peter Carravetta
La casa dei ricordi
Amilca Ismael
Vite senza permesso
Manuela Foschi
Le gambe di Alice
Nimrod
Giorni di sole, giorni di neve
Fabrizio e Nicola Valsecchi
Rondini e ronde. Scritti migranti per volare alto sul razzismo
a cura di Silvia De Marchi
Il mare di mezzo - al tempo dei respingimenti
Gabriele Del Grande
2022 - Destinazione Corno d'Africa
Maurilio Riva
Pianure Migranti – un’inchiesta geostorica tra Emilia e Argentina
Antonio Canovi
Un giorno di pioggia a Madras
Samina Ali
Poetica e teatro civile
Candelaria Romero
Vivere per addizione
Carmine Abate
Lo sguardo del leone
Maaza Mengiste
La ferita di Odisseo-il "ritorno" nella letteratura della migrazione italiana
raffaele taddeo
L'ultima carovana della Patagonia
Raùl Argemì - Traduttore Raul Schenardi
Vedere ogni notte le stelle
Erminia Dell'Oro
Nuvole sull'equatore
Shirin Ramzanali Fazel
Poesia dell'esilio - Saggi su Gëzim Hajdari
Andrea Gazzoni a cura
Il ristorante dell'amore ritrovato
Ito Ogawa
Sono ateo e ti amo
Irene Chias
Luoghi incerti
Stefanie Golisch
Katerina e la sua guerra
Barbara Serdakowski
Piccola intervista - sull'eleganza del fiore che muore
Hannah Jonà Listieva
Fra-intendimenti
Kaha Mohamed Aden
La mia casa è dove sono
Igiaba Scego
Il fazzoletto bianco
Viorel Boldis
Corri Lidja, corri
Paul Bakolo Ngoi
Migrando
Mariana Chiesa Mateos
Divorzio all'islamica a viale Marconi
Amara Lakhous
Le rondini di Montecassino
Helena Janeczek
Sbarco a Milano
Velasco Vitali
Tra mura di vento
Rosana Crispim Da Costa
Questa non è una baby-sitter
Gabriella kuruvilla
L’albero felice
Florance Faval
Poesie di fine mondo
Candelaria Romero
Per chi crescono le rose
Ingrid Beatrice Coman
Il fiume nel mare
Alessio Brandolini
Il legame
Fabio Omar el Ariny
Fra oceani
Iyara Bagala
Le Ragazze di Benin City
Laura Maragnani e Isoke Aikpitanyi
fra-intendimenti
Kaha Mohamed Aden
Luoghi incerti
Stefanie Golisch
Il mio nome è Regina
Marie Reine Toe
Come diventare italiani in 24 ore. Il diario di un’ aspirante italiana
Laila Wadia
Piccolo grande Uruguay
Alicia Baladan
Chiamatemi Sandokan. Un omaggio a Emilio Salgari
Fabian Negrin
Luoghi incerti
Stefanie Golisch
Buongiorno compagni
Ondjaki
Un mare così ampio/ I racconti-in-romanzo di Julio Monteiro Martins
Rosanna Morace
Terre di andata - Poesie&proesie
Carmine Abate
Curve alfabetiche
Cheikh Tidiane Gaye
Dall’altra Sponda
Alexander I. Herzen
Babel Hotel
Ramona Parenzan (a cura)
Il racconto di Nadia
Amilca Ismael
Affronti-Tracce d'Africa
Raffaella Cuccia
CECILIA, comunità anarchica sperimentale
Giovanni Rossi
L'onore dei Kéita
Moussa Konaté
Il fiume nel mare
Alessio Brandolini
lacarnequandoèsola
Vera Lúcia de Oliveira
Corrispondenze ai margini dell'Occidente
Loris Ferri - Stefano Sanchini
lacarnequandoèsola
Vera Lúcia de Oliveira
Aqua nuda
Laura Fusco
Cuori di sabbia
Buosso Thioune Benussi
L'arco della pace
Carlo Vallauri
Zogru
Doina Rusti - traduzione di Roberto Merlo
Cuori di sabbia
Bousso Thioune Benussi
Introduzione al mondo - notizie minime sopra gli spacciatori di felicità
Idolo Hoxhvogli
L'amore precario
Martino Fausto Rizzotti
La collina del vento
Carmine Abate
La collina del vento
Carmine Abate
L'étreinte des rimes - rime abbracciate
Cheikh Tidiane Gaye - Maria Gabriella Romani Kouacou
Milano, fin qui tutto bene
Gabriella Kuruvilla
Nûr eresia e besa
Gëzim Hajdari
Il famoso magico qukapik
Darien Levani
La Somalia non è un’isola dei Caraibi. Memorie di un pastore somalo in Italia
Mohamed Aden Sheikh
European Multi-Culturalism Revisited
Alessandro Silj
Scrittura e migrazione – Una sfida per la lingua italiana
Laura Barile, Donata Feroldi e Antonio Prete (a cura)
L'arcobaleno di Rebecca
Rebecca Covaciu
Roberto
Anna Belozorovitch
Il complesso di Giano
Clementina Coppini
Essere pioggia
Anna Belozorovitch
E chi se ne frega di Meryl Streep! (Tistifil Miril Strib)
Rashid Daif
Chicago
Ala’ al Aswani
Letteratura-mondo italiana
Rosanna Morace
Mopaya. Colui che porta in sé l’altrove
Douna Loup e Gabriel Nganga Nseka
Habibi
Craig Thompson - Traduzione di Randa Ghazy
Ripensare la letteratura e l'identità
Silvia Camilotti
Regalo di nozze
Andrea Vitali
Da da da
Laura Fusco
Piccolo, rosso e altri racconti
Božidar Stanišić
Io, venditore di elefanti
Pap Khuoma (con introduzione di Oreste Pivetta)
Satul fara mamici - il villaggio senza madri
Ingrid Beatrice Coman
Se tutte le donne
Laila Wadia
Rom (uomo)
Loris Ferri
Prendi quello che vuoi, ma lasciami la mia pelle nera
Cheikh Tidiane Gaye
Lucciole imperatrici
Helene Paraskeva
Il metrò
Donato Ndongo Bidyogo
Tutto scorre come un fiume
Carlos Sánchez
Intanto il tempo
Mia Lecomte
Contesa per un maialino italianissimo a San Salvario
Amara Lakhous
L'Espagnole
Raffaella Greco Tonegutti
Un bel sogno d'amore
Andrea Vitali
Associazionismo ed emigrazione- Storia delle Colonie Libere e degli Italiani in Svizzera
Toni Ricciardi
Postcolonialismo italiano
Franca Sinopoli (a cura)
Confidenze confidenziali
Natalia Bondarenko
Per arrivare a sera
Milton Fernandez
Merk e i gatti
Andrea Vitali - Giancarlo Vitali
Confini incerti
Agi Berta
Il bacio del pane
Carmine Abate
L'albero e la vacca
Adrian Bravi
Inclini all'amore
Tijana M. Djerković
150 grammi di poesia d'amore
Viorel Boldis
Lontano da Mogadiscio
Shirin Fazel Ramzanali
Julio Monteiro Martins
La grazia di casa mia
Narrazioni contese
Chiara Mengozzi

 

 

 

©2003-2014 El-Ghibli.org
Chi siamo | Contatti | Archivio | Notizie | Links