El Ghibli - rivista online di letteratura della migrazione

fra-intendimenti - kaha mohamed aden

itala vivan

fra-intendimenti - Kaha Mohamed Aden
nottetempo - 2010
pp. 135, 13 €

Comunicare e/o fraintendere?

 In margine al libro di Kaha Mohamed Aden, Fra-intendimenti (Nottetempo, 2010)

 

 

Il fenomeno della letteratura scritta in italiano da autori nati altrove ma che, emigrando, hanno messo radici nel nostro paese e nella nostra lingua si profila ormai cospicuo, benché avviato in epoca recente. Si fa infatti risalire il suo inizio al 1990, anno di pubblicazione del bel libro di Pap Khouma e Oreste Pivetta Io, venditore di elefanti, che è il primo del genere.

Oggi, a vent'anni di distanza, è possibile scorgere con qualche chiarezza le dimensioni e le valenze della nuova produzione di scrittura e soppesarne il significato culturale, pur mentre si assiste alla comparsa di opere prime che continuano e accentuano la tendenza. E' ormai evidente che le ondate migratorie non solo non accennano a diminuire, ma anzi stanno diventando una costante di questo inizio di millennio e della civiltà della globalizzazione che lo caratterizza, con le sue macroscopiche differenze di condizioni economiche e sacche di povertà e oppressione che spingono inevitabilmente alla fuga e al movimento. Accanto a queste cause primarie, c'è anche una sempre più diffusa tendenza endogena all'urbanizzazione – suggerita da un insieme di componenti socioeconomiche su cui non si vuole ora indugiare – che porta ad abbandonare regioni e zone un tempo agricole per affluire verso le aree urbane anche all'interno di uno stesso paese[1], alimentando il flusso migratorio.

In Italia non eravamo davvero preparati ad affrontare questa novità, anche perché non avevamo sufficientemente analizzato e capito il flusso contrario vissuto da tanta parte del nostro Paese dall'Ottocento sino al 1960, e cioè l'emigrazione italiana verso le Americhe, l'Australia e i paesi europei. Non avevamo ancora capito chi fosse emigrato dall'Italia, in che condizioni, e con quali  risultati sociali e culturali, allorché, a distanza di vent'anni dalla fine della nostra emigrazione– e cioè negli anni Ottanta – cominciammo a veder arrivare un'immigrazione che a poco a poco si fece importante.

L'immigrazione ha quindi colto l'Italia di sorpresa, quando non aveva ancora assunto adeguata coscienza del senso e della portata della propria stessa emigrazione e non ne aveva assorbito il carattere di espulsione violenta che aveva colpito le classi subalterne della popolazione prevalentemente nel Mezzogiorno. Così, mentre i successivi governi non sapevano che linea seguire nella gestione di un fenomeno sempre più cospicuo, la popolazione è rimasta abbandonata a se stessa e alle proprie reazioni viscerali, emotive o politiche, a seconda dei casi. La conseguenza è stata che ciò che avrebbe potuto costituire un fattore positivo di crescita culturale e insieme economica si è tramutato in un ennesimo motivo di scontro e  divisione, aggiungendosi alla nostra annosa questione meridionale. Il Sud del mondo è venuto da noi alla rinfusa e ci ha trovato impreparati anche a dialogare. E' anche da queste premesse culturali, da questa carenza di consapevolezza storica e politica, che è emersa in Italia una particolare versione di movimento populista di leghe autonomiste che alla fine si è denominato Lega del Nord. Come ha osservato Ilvo Diamanti, "La loro [delle leghe] principale innovazione è consistita nella capacità di rompere con i tradizionali fondamenti dell'identità politica e della delega partitica: la religione, la classe, l'ispirazione laica; al loro posto, esse hanno introdotto altri riferimenti, recuperati da contraddizioni antiche della società italiana: i contrasti fra centro e periferia, fra Nord e Sud, fra privato e pubblico, fra società civile e partiti tradizionali."(I.Diamanti ,  La Lega. Geografia, storia e sociologia di un soggetto politico, Donzelli, Roma 1993, p. 5)

 

La storia, tuttavia, procede inesorabile, si sia o meno preparati ad affrontarla. L'immigrazione infatti continua, e comporta la stabilizzazione di grandi numeri di individui isolati e di nuclei famigliari in tutta Italia. Noi vediamo gli immigrati nelle strade e nei mezzi di trasporto, nelle case e nei più svariati luoghi di lavoro; mentre le scuole italiane registrano percentuali talora molto alte di bambini che sono figli di immigrati, sovente nati in Italia. Nel contesto magmatico e disordinato il dialogo è risultato difficile ed estemporaneo. E però gli immigrati ci vengono incontro,  porgendo un filo di discorso nella lingua che era solo nostra e che ora si allarga sino a diventare una lingua comune, capace di esprimere la voce di soggetti dall'identità culturale multipla e che tuttavia scelgono di usarla per raccontare se stessi, e noi insieme a loro.

In questo quadro generale si colloca  Fra-intendimenti,  opera prima di una giovane autrice nata in Somalia e venuta in Italia ancora bambina per sfuggire alle persecuzioni politiche che colpirono la sua famiglia durante la dittatura di Siad Barre. Kaha non è più potuta ritornare a Mogadiscio a causa della guerra civile e degli scontri clanici che tuttora devastano il paese, e risiede a Pavia dove si è laureata e lavora. 

Il libro annuncia il proprio discorso sin dal titolo, collocandosi in un fra, un intervallo e un interstizio che è appunto quello dell'emigrante, diviso e insieme allargato su una doppia radice e intento a rivolgere la sua parola su una doppia direzione, per condurre da un lato la riflessione sul sé e sul passato, dall'altro la conversazione con l'altro e con il proprio presente. Allo stesso tempo, l'allusione al fraintendimento qualifica di primo acchito la cultura in cui si trova immerso l'immigrato che fraintende e si vede frainteso, nel senso letterale ma anche metaforico del termine.

La lingua di Kaha Aden esula dalla rigidezza del registro espressivo dell'italiano scritto, per accogliere idiomi e registri tipici del parlato e inglobare elementi lessicali e strutturali altri, rendendoli familiari attraverso il racconto. La tematica della memoria e dell'esilio, della nostalgia, del ritorno impossibile si alterna con la narrazione del presente inserito nell'ambigua ospitalità italiana, consentendo un giudizio critico sul paese dell'infanzia e uno sguardo ironico sull'Italia e sugli italiani, che appaiono visti dall'esterno.

Fra-intendimenti raccoglie una sequenza di spezzoni narrativi componendo un racconto-mosaico ad andamento rapsodico, ma non per questo discontinuo. Il filo narrativo parte dal sé, cioè dal bisogno di tracciare un autoritratto, e si muove immediatamente all'indietro, evocando le figure protettive delle ave, le tre nonne Xaliima, Xaava e Suuban che entrano in scena creando l'ambientazione che funge da sfondo al libro: Mogadiscio e la Somalia, con i profumi delle spezie e il sapore del deserto, ma anche l'intimità e la continuità frutto di una stretta vita comunitaria. Subito dopo giunge la figura di un nonno indomito che aveva lottato con gli amministratori italiani -- ma anche con gli anziani della comunità somala -- per mandare alla scuola italiana le figlie femmine. Il ricordo di sfida e preveggenza si insinua nella memoria dell'autrice in un contesto che la vede oggetto appunto di fraintendimento, quando viene presa per una prostituta da un camionista di passaggio, giusto perché ha la pelle nera.

Il libro procede alternando episodi e riflessioni su questo doppio binario, con uno stile arguto e ironico che non impedisce tuttavia l'emergere di una sensibilità profonda segnata da squarci di perdita e dolore. Fra i momenti più significativi il capitolo "Che ore sono?", che espone la condizione di sfasamento dell'emigrato servendosi della metafora dell'ora che cambia a seconda del fuso orario in cui ciascuno si trova e che quindi altera la comunicazione. La voce narrante rivela il senso di confusione generato dallo spostamento orario e allude chiaramente alla dislocazione della migrazione e alla perdita di parametri un tempo familiari. Nel denunciare il proprio smarrimento,  si ribella all'alterizzazione e si aggrappa a una propria identità tribale, esclamando "Sono una darood!".

Accanto a momenti problematici, che rendono difficile la vita dell'immigrato anche quando (come nel caso della protagonista) vengono affrontati con ironia e leggerezza, permane costante nel libro il filo della memoria fisica del proprio paese d'origine. Il collegamento è fatto di odori e sapori, fragranze di spezie e piccanti gusti di cibi saporiti, che si levano al di sopra del ricordo terribile dei momenti di pericolo estremo vissuti a Mogadiscio: come se il piacere corporeo, il profumo della Terra di Punt, combattessero per sopraffare l'odore della paura e della solitudine in agguato.

L'ombra di una lieve nostalgia si stende con delicatezza, così come la solidarietà dei ragazzi somali è prospettata con fine ironia nel capitolo "Xuseyn, Suleyman e Loro", dove il qui pro quo legato all'uso del pronome italiano loro fa sì che un'anziana signora si spaventi per la presenza di due innocui ragazzi i quali a loro volta pensano che la signora evochi i jinn, gli spiritelli malevoli della tradizione araba.

Il libro si conclude con un episodio denso di valenze significative in cui una ragazza somala fugge dalla casa dove lavora come domestica per andare a Milano a farsi acconciare i capelli in eleganti treccine africane, e al ritorno dalla spedizione clandestina si copre con un foulard e decide di farsi chiamare Nadia, quasi accettando, con ciò, di assumere una seconda identità e fondersi nel contesto italiano. Anche se sotto il foulard conserva le splendide treccine, e in cuor suo si chiama Nadifa.

Fra-intendimenti è l'incontro dell'autrice con una lingua che non scaccia l'altra lingua antica e la sua oralità, con un paese che non cancella l'altro paese della memoria; e porta una ventata di altrove non esotico, ma reale, e una presenza fondata sulla forza e la fermezza celate dietro al velo di garbata leggerezza di cui si veste il racconto.

 

 

 



[1] Cfr. Ken Bugul, La pièce d'or, UBU éditions, Paris 2006 (tr.it. La moneta d'oro, Baldini Castoldi Dalai Editore, Milano 2006). Il romanzo della scrittrice senegalese pone al centro della narrazione l'esodo interno dal villaggio verso la metropoli, collocandolo in una cornice di catastrofe che rispecchia un'apocalisse globale.

Home | Contatti | Notizie

Ultime recensioni

Letteratura nascente e dintorni
Francesco cosenza

 

Archivio

madrelingua
Julio Monteiro Martins
Es gab einmal die Alpen
(a cura di) Gino Chiellino
Raccontando,...cantando a mezz'aria - canti per bambini e fiabe da tutto il mondo
Oliviero Biella e candelaria Romero
maldiluna
Gëzim Hajdari
Il grande viaggio
Giuseppe Cederna
DIS-INTEGRARSI Cercando la libertà
Joseph M. Kamsu Tchuente
solo andata
Erri De Luca
qui e là
Christiana de Caldas Brito
Il burattinaio
Lily-Amber Laila Wadia
Il maestro di Tango
Miguel Angel Garcia
La sposa degli dèi
Kossi Komla-Ebri
Rhoda
Igiaba Scego
Stranieri di carta
Giovanna Stefancich e Paola Cardellicchio
pecore nere
Gabriella Kuruvilla, Ingy Mubiyai, Igiaba Scego, Laila Wadia
Dall'altra parte del mare
Erminia Dll'Oro
Eduart
Artur Spanjolli
La musica della balena azzurra
Adonis
Il paese dove non si muore mai
Ornela Vorpsi
La grande casa di Monirrieh
Bijan Zarmandili
il mosaico del tempo grande
Carmine Abate
I sessanta nomi dell'amore
Tahar Lamri
Allunaggio di un immigrato innamorato
Mihai Mircea Butcovan
L'opposta riva
Fabiano Alborghetti
I panorami del contemporaneo
Eleonora Fiorani
Nell'uovo cosmico
Helene Paraskeva
Scontro di civiltà per un ascensore a piazza Vittorio
Amara Lakhous
L'occhio della terra, a cura di Pietro Deandrea
Niyi Osundare
NERVATURE
Gregorio Carbonero
Borgo Farfalla
Mihai Mircea Butcovan
ALIDA
T.F. Brhan
500 temporali
Christiana de Caldas Brito
I figli africani di Dante
Giuseppina Commare
Voglio un marito italiano
Marina Sorina
Gatti come angeli
Loredana Magazzeni e Andrea Sirotti (a cura)
la teqja
artur spanjolli
Poema dell'esilio
Gëzim Hajdari
Rue des italiens
Girolamo Santocono
oggi forse non ammazzo nessuno
Randa Ghazy
Le lezioni di Selma
Sarah Zuhra Lukanić
Madre piccola
Cristina Ali Farah
Regina di fiori e di perle
Gabriella Ghermandi
L'accusa silenziosa
Artur Spanjolli
Cercando Lindiwe
Valentina Acava Mmaka
ai confini del verso- poesia della migrazione in italiano
Mia Lecomte (a cura)
Letteratura nascente-Letteratura italiana della migrazione. Autori e poetiche
Raffaele Taddeo
Io, l'altro
Mohsen Melliti
Amiche per la pelle
Laila Wadia
I prigionieri di guerra
Tamara Jadrejčić
La talpa nel soffitto
Yousef Wakkas
Peligòrga
Gëzim Hajdari
L'amore scritto
Julio Monteiro Martins
Nuovo Planetario Italiano
Armando Gnisci (a cura)
Il buio del mare
Ron Kubati
Vita e sogni
Kossi Komla Ebri
Il canto del Djali
Cheikh Tidiane Gaye
Vertigo
Arnold de Vos
Borgo farfalla
Mihai Mircea Butcovan
il circo capovolto
Milena Magnani
Il cane alato
Božidar Stanišić
il fuggitivo
Pramoedya Ananta Toer
Razza partigiana. Storia di Giorgio Marincola (1923-1945)
Carlo Costa, Lorenzo Teodonio
Seppellite la mia pelle in Africa. Poesie e brevi racconti
Hamid Barole Abdu
E' la vita, dolcezza
Kuruvilla Gabriella
viviscrivi
Christiana de Caldas Brito
Tempo della rottura-tempo della dialettica-tempo della progettualità nella letteratura dell'immigrazione italiana in Svizzera
Raffaele De Nuccio
La pelusa
Adrian N. Bravi
Sud 1982
Adrián N. Bravi
Una bambina soldato. Vittima e carnefice nell'inferno dell'Uganda
China Keitetsi
Metà di un sole giallo
Chimamanda Ngozi Adichie - Traduzione Susanna Basso
La moneta d'oro
Ken Bugul - traduzione dal francese di Ombretta Marchetti
migrazioni e paesaggi urbani
A.A.V.V. a cura di Melita Richter malabotta
Oltre Babilonia
Igiaba Scego
L'occidentalista
Abdelmalek Smari
Aukuí
Fatima Ahmed
I lupi della notte
Amor Dekhis
Fogli di via
Gianpaolo Trevisi. Racconti di un vicequestore
La moneta d'oro
Ken Bugul
Lingue e letterature in movimento
Silvia Camilotti (a cura)
Crescere diritti - Guida pratica di educazione alla mondialità
Mercedes Mas Solè
Il Brasile per le strade
Silvia Marianecci (a cura)
l'uomo alla finestra
anna belozorovitch
Aukuì
Fatima Ahmed
Tè al samovar. Voci dal gulag sovietico
Ingrid Coman
Due volte
Jadelin Mabiala Gangbo
Educazione siberiana
Nicolai Lilin
Tagliato per l'esilio
Karim metref
Ode nascente
Cheikh Tidiane Gaye
Rosso come una sposa
Anilda Ibrahimi
L'impostore
Damon Galgut
Poeti sudafricani del post-apartheid
Raphael D’Abdon (a cura)
Meltèmi
Helene Paraskeva
L'amore e gli stracci del tempo
Anilda Ibrahimi
Roba da donne. Emancipazione e scrittura nei percorsi di autrici dal mondo
Silvia Camilotti (a cura)
Roma senza fissa dimora
Gabriele Del Grande
Nuovo Immaginario Italiano
m. cristina mauceri, m. grazia negro
Rom e Sinti in Italia
Giulio Soravia
Del postmoderno
Peter Carravetta
La casa dei ricordi
Amilca Ismael
Vite senza permesso
Manuela Foschi
Le gambe di Alice
Nimrod
Giorni di sole, giorni di neve
Fabrizio e Nicola Valsecchi
Rondini e ronde. Scritti migranti per volare alto sul razzismo
a cura di Silvia De Marchi
Il mare di mezzo - al tempo dei respingimenti
Gabriele Del Grande
2022 - Destinazione Corno d'Africa
Maurilio Riva
Pianure Migranti – un’inchiesta geostorica tra Emilia e Argentina
Antonio Canovi
Un giorno di pioggia a Madras
Samina Ali
Poetica e teatro civile
Candelaria Romero
Vivere per addizione
Carmine Abate
Lo sguardo del leone
Maaza Mengiste
La ferita di Odisseo-il "ritorno" nella letteratura della migrazione italiana
raffaele taddeo
L'ultima carovana della Patagonia
Raùl Argemì - Traduttore Raul Schenardi
Vedere ogni notte le stelle
Erminia Dell'Oro
Nuvole sull'equatore
Shirin Ramzanali Fazel
Poesia dell'esilio - Saggi su Gëzim Hajdari
Andrea Gazzoni a cura
Il ristorante dell'amore ritrovato
Ito Ogawa
Sono ateo e ti amo
Irene Chias
Luoghi incerti
Stefanie Golisch
Katerina e la sua guerra
Barbara Serdakowski
Piccola intervista - sull'eleganza del fiore che muore
Hannah Jonà Listieva
Fra-intendimenti
Kaha Mohamed Aden
La mia casa è dove sono
Igiaba Scego
Il fazzoletto bianco
Viorel Boldis
Corri Lidja, corri
Paul Bakolo Ngoi
Migrando
Mariana Chiesa Mateos
Divorzio all'islamica a viale Marconi
Amara Lakhous
Le rondini di Montecassino
Helena Janeczek
Sbarco a Milano
Velasco Vitali
Tra mura di vento
Rosana Crispim Da Costa
Questa non è una baby-sitter
Gabriella kuruvilla
L’albero felice
Florance Faval
Poesie di fine mondo
Candelaria Romero
Per chi crescono le rose
Ingrid Beatrice Coman
Il fiume nel mare
Alessio Brandolini
Il legame
Fabio Omar el Ariny
Fra oceani
Iyara Bagala
Le Ragazze di Benin City
Laura Maragnani e Isoke Aikpitanyi
fra-intendimenti
Kaha Mohamed Aden
Luoghi incerti
Stefanie Golisch
Il mio nome è Regina
Marie Reine Toe
Come diventare italiani in 24 ore. Il diario di un’ aspirante italiana
Laila Wadia
Piccolo grande Uruguay
Alicia Baladan
Chiamatemi Sandokan. Un omaggio a Emilio Salgari
Fabian Negrin
Luoghi incerti
Stefanie Golisch
Buongiorno compagni
Ondjaki
Un mare così ampio/ I racconti-in-romanzo di Julio Monteiro Martins
Rosanna Morace
Terre di andata - Poesie&proesie
Carmine Abate
Curve alfabetiche
Cheikh Tidiane Gaye
Dall’altra Sponda
Alexander I. Herzen
Babel Hotel
Ramona Parenzan (a cura)
Il racconto di Nadia
Amilca Ismael
Affronti-Tracce d'Africa
Raffaella Cuccia
CECILIA, comunità anarchica sperimentale
Giovanni Rossi
L'onore dei Kéita
Moussa Konaté
Il fiume nel mare
Alessio Brandolini
lacarnequandoèsola
Vera Lúcia de Oliveira
Corrispondenze ai margini dell'Occidente
Loris Ferri - Stefano Sanchini
lacarnequandoèsola
Vera Lúcia de Oliveira
Aqua nuda
Laura Fusco
Cuori di sabbia
Buosso Thioune Benussi
L'arco della pace
Carlo Vallauri
Zogru
Doina Rusti - traduzione di Roberto Merlo
Cuori di sabbia
Bousso Thioune Benussi
Introduzione al mondo - notizie minime sopra gli spacciatori di felicità
Idolo Hoxhvogli
L'amore precario
Martino Fausto Rizzotti
La collina del vento
Carmine Abate
La collina del vento
Carmine Abate
L'étreinte des rimes - rime abbracciate
Cheikh Tidiane Gaye - Maria Gabriella Romani Kouacou
Milano, fin qui tutto bene
Gabriella Kuruvilla
Nûr eresia e besa
Gëzim Hajdari
Il famoso magico qukapik
Darien Levani
La Somalia non è un’isola dei Caraibi. Memorie di un pastore somalo in Italia
Mohamed Aden Sheikh
European Multi-Culturalism Revisited
Alessandro Silj
Scrittura e migrazione – Una sfida per la lingua italiana
Laura Barile, Donata Feroldi e Antonio Prete (a cura)
L'arcobaleno di Rebecca
Rebecca Covaciu
Roberto
Anna Belozorovitch
Il complesso di Giano
Clementina Coppini
Essere pioggia
Anna Belozorovitch
E chi se ne frega di Meryl Streep! (Tistifil Miril Strib)
Rashid Daif
Chicago
Ala’ al Aswani
Letteratura-mondo italiana
Rosanna Morace
Mopaya. Colui che porta in sé l’altrove
Douna Loup e Gabriel Nganga Nseka
Habibi
Craig Thompson - Traduzione di Randa Ghazy
Ripensare la letteratura e l'identità
Silvia Camilotti
Regalo di nozze
Andrea Vitali
Da da da
Laura Fusco
Piccolo, rosso e altri racconti
Božidar Stanišić
Io, venditore di elefanti
Pap Khuoma (con introduzione di Oreste Pivetta)
Satul fara mamici - il villaggio senza madri
Ingrid Beatrice Coman
Se tutte le donne
Laila Wadia
Rom (uomo)
Loris Ferri
Prendi quello che vuoi, ma lasciami la mia pelle nera
Cheikh Tidiane Gaye
Lucciole imperatrici
Helene Paraskeva
Il metrò
Donato Ndongo Bidyogo
Tutto scorre come un fiume
Carlos Sánchez
Intanto il tempo
Mia Lecomte
Contesa per un maialino italianissimo a San Salvario
Amara Lakhous
L'Espagnole
Raffaella Greco Tonegutti
Un bel sogno d'amore
Andrea Vitali
Associazionismo ed emigrazione- Storia delle Colonie Libere e degli Italiani in Svizzera
Toni Ricciardi
Postcolonialismo italiano
Franca Sinopoli (a cura)
Confidenze confidenziali
Natalia Bondarenko
Per arrivare a sera
Milton Fernandez
Merk e i gatti
Andrea Vitali - Giancarlo Vitali
Confini incerti
Agi Berta
Il bacio del pane
Carmine Abate
L'albero e la vacca
Adrian Bravi
Inclini all'amore
Tijana M. Djerković
150 grammi di poesia d'amore
Viorel Boldis
Lontano da Mogadiscio
Shirin Fazel Ramzanali
Julio Monteiro Martins
La grazia di casa mia
Narrazioni contese
Chiara Mengozzi

 

 

 

©2003-2014 El-Ghibli.org
Chi siamo | Contatti | Archivio | Notizie | Links