El Ghibli - rivista online di letteratura della migrazione

Versione Originale | Nota biografica | Versione lettura |

foresta

philippe beck

Ragazzina in rosso piace alle persone
che la vedono.
Velluto di fuoco è un regalo
di famiglia.
Indossa soltanto fuoco.
Il fuoco dolce.
Procede.
Nella prosa scolastica,
R. dimentica una scena
di foresta per servire
Anzianità.
Family comanda
la prosa morale.
Membri di famiglia sottolineano
una frase sociale.
Rosso va diritta e sola.
Leggera. Attraverso la poesia di mondo.
Verso l’Anzianità a letto.
Prima del momento cruciale.
Negli angoli, ci sono fiori.
Non ha paura.
Rosso vede danzare i raggi di luce
tra i rami.
Nastri volati con regolarità.
Petali splendono ai lati.
Lupo ha mostrato la bellezza
della scena.
Va direttamente verso la casa in fondo.
E si veste per la notte.
Aspetta la giovane
tenerezza, dopo l’anzianità.
Ragazza va di fiore in fiore nel rosso.
Ha un mazzolino per Anzianità.
E burro.
Arriva.
Gli occhi di Bestia Vestita sono grandi.
Orecchie, mani e bocca impressionano
anche.
È a letto.
Sostituto di famiglia.
Chi trema?
Mangia la ragazza del fuoco.
Poi, cacciatore taglia Lupo
con forbici. O con ali-coltelli.
Cacciatore che musica.
Due donne escono.
Cappuccetto mette pietre nel centro
di Bestia.
Sonno cicatrizza.
Lupo è Testa Chiusa.
Fa un fuoripista
al risveglio.
Cade dritto sulla pietra.
Fiore di terra chiusa.

da “Cappuccetto rosso”

Traduzione di Carlo Floris

Inizio pagina

 

luna

philippe beck

Nel paese di Notte Costante,
cielo è un lenzuolo nero
e mondo un letto.
O letto è un mondo.
Lenzuolo nero è tirato su.
Sonno diurno
più biancheria di luce.
Luna è lontana.
Stelle sono lontane.
Oscurità rima con Antichità.
E polvere nera.
Più ornamento bianco.
Da cui l’incendio pallido.
Apprendisti cambiano paese.
Vanno nel paese dove sole
appare e scompare.
Orizzonte è il piano.
Ascensore porta sole
fino ad esso.
Sole accende il pianoro.
L’orizzonte è un piatto
dove salgono volumi
di inchiostro in particolare.
Nell’antico paese diurno,
la notte dipende da un albero.
L’albero Solido.
Quercia è sorgente di luce
nel buio.
Sorgente è una sfera nell’albero.
Brilla come curva tonda.
Luna è un sole d’argento
nell’albero Mondo?
Ha un grigio argenteo.
Sconcerta gli apprendisti.
Un sogno bianco.
Fissata alla Quercia per tre scudi?
Luce inventata
in un paese notturno?
C’è un pieno d’olio di pietra
in lei?
Lampada rotonda è chiara.
Chi è Lampista
o Responsabile di Luce?
Un apprendista mette un lenzuolo nero
sulla luna.
Portano via Luna
nel paese della notte ufficiale.
C’è una quercia nel paese buio.
Linfa è sangue bianco.
Lampada nuova fa letizia
nuova.
Argenta la campagna cupa.
E irrora le stanze.
Da cui carole sui prati.
Luna ha il pieno d’olio regolarmente.
+ una pulizia settimanale.
Per un fuoco argentato.
Un fuoco grigio intenso.
Ogni apprendista porta con sé nella tomba
un quarto di luna.
Bagliore della sfera si smorza piano piano.
Buio antico ritorna.
L’uso delle lanterne pure,
dopo il cozzare notturno.
Lenzuolo notturno è il costume tradizionale.
Luna è sotto terra.
Illumina un inferno?
Produce letizia nel paese di niente?
E la clandestinità di corpi lunghi?
C’è una luce sotto terra?
No.
Un grigio lancia l’Intensa Malinconia
in corpi di oblio.
Sole è lontano.
Il grigio ha le sue feste di malinconia
il cui rumore
raggiunge il cielo.
Vita sotterranea è terra intensa.
Giungla dove i rami tagliano
fasce di luce appassionanti.
Fasce grigie hanno una freddezza
che apre occhi.
Gettano
la vita sotto.
Corpi sono in piedi.
Calma di terra domina a volte.
Malinconia è tesa.
Luna deve tendere la terra dall’alto.
Viene appesa in cielo.
Lontano illumina acqua.
Malinconia è preferita in alto.
Allora, scende.

da “La Luna”

Traduzione di Carlo Floris

Inizio pagina

Home | Archivio | Cerca

Archivio

Anno 9, Numero 37
September 2012

 

 

 

©2003-2014 El-Ghibli.org
Chi siamo | Contatti | Archivio | Notizie | Links