El Ghibli - rivista online di letteratura della migrazione

Versione Originale | Nota biografica | Versione lettura |

evocando emily

karen alkalay gut

Non le serve granché l’orlo di una gonna bianca di pizzo
che s’impiglia all’assito di legno; lo sguardo
che s’abbassa quando si volta, deluso ma più saggio
di quanto ti immagini; i fulmini di Amherst
e un vento come un corno da caccia,
e di colpo domina la pagina,
brucia di segreti al mio orecchio
mi carezza il braccio e lo costringe a scrivere,
o forse a mentire, attraverso i suoi denti delicati
Cercando di distrarmi tutto il tempo
dall’uomo con cui sto, cerca
di invadere i suoi sogni.

Traduzione di Andrea Sirotti

Inizio pagina

 

nijinsky

karen alkalay gut

Nel viottolo del giardino della casa di riposo
prendo la curva sbagliata e incontro Nijinsky
che appoggia le mani e il mento
a un bastone, un grosso ramo ancora verde.
Condivide un segreto col ramo
che dev’essere stato spezzato dalla pioggia
la notte prima di questo bel giorno di sole.

Mi siedo accanto a lui sulla panchina
pur sapendo che è probabile che non risponda
ma desidero condividere la sua gloria
e il triste silenzio di oggi.

“Dev’essere stata dura”
dico, “stare sul palcoscenico
tra terra e cielo
tra uomo e donna
satiro e spirito.”

“E il salto improvviso
al di là di tutto,” mormora,
poi con voce più chiara,
“e la terribile caduta
nel mondo dove
le differenze hanno importanza.”

Traduzione di Andrea Sirotti

Inizio pagina

 

struttura

karen alkalay gut

per Anne Sexton

Ricordi la signora col vestito rosso 
coi bottoni da cima a fondo
dal colletto alla cinese fino alle caviglie 
ricordi come le si aprivano i bottoni
a ogni poesia uno dal fondo 
                 uno da cima – rivelando pian piano 
il décolleté
e le cosce.
È questa la trama 
di una poetessa. 
 
Traduzione di Andrea Sirotti

Inizio pagina

 

simpatia per il diavolo

karen alkalay gut

Perfino tu, Principe, sei qualche volta cieco,
a forza di vivere, come fai, negli inferi bui ?
certo che essere malvagi è facile, come essere egocentrici,
e che qualcuno come me si sentirà attratto
da quella tua solitudine, assaporando
quei giorni seduttivi, le notti in letti vuoti.
Che posso dire? Hai modi così virili –
e quando ci siamo incontrati all’incrocio quella notte
ho fatto un po’ di strada con te, osservando le volute
del tuo bastone, desiderando lenire
tutti i tormenti nel tuo mondo. Pensai
di cullarti, come un discepolo sofferente,
nel mio grembo generoso ? non ho neppure ascoltato
le offerte di sapienza che mi hai fatto
in cambio dell’anima.
Persino quando hai brandito il contratto,
suggellato dalla mia firma, non ci ho fatto
caso, stregata com’ero dalla pena
nei tuoi occhi, dal bisogno di un certo bene –
posso osare chiamarlo – amore?

Traduzione di Andrea Sirotti

Inizio pagina

Home | Archivio | Cerca

Archivio

Anno 3, Numero 14
December 2006

 

 

 

©2003-2014 El-Ghibli.org
Chi siamo | Contatti | Archivio | Notizie | Links