El Ghibli - rivista online di letteratura della migrazione

Nota biografica | Versione lettura |

la passione secondo paul smaïl

ilaria vitali

Quanta importanza ha il nome dell’autore sulla copertina di un libro? È possibile esserne influenzati nella lettura? In un illuminante saggio dal titolo Seuils, Genette ha sottolineato l’importanza del paratesto in tutte le sue forme, a partire dalla dedica, dalla prefazione, e naturalmente dal nome dell’autore.
Cosa succede dunque quando l’autore si serve di uno pseudonimo?
Assumere un’altra identità è un gioco letterario che coinvolge la creatività dell’autore nei suoi fondamenti più radicati. Tuttavia, non si può prescindere dalle dinamiche di mercato e dalle strategie editoriali. Ancor più quando ad assumere lo pseudonimo di un giovane “beur” (verlan della parola “arabe”) è un giornalista del quotidiano Libération, Jack-Alain Léger, già reduce dalla pubblicazione di qualche romanzo di esiguo successo. Successo che l’ha invece travolto con la pubblicazione del primo romanzo scritto nei panni di Paul Smaïl, Vivre me tue (1997), successo editoriale e mediatico tanto da essere portato sul grande schermo.
Le caratteristiche intrinseche della “maschera” fanno sì che essa non aderisca mai perfettamente al volto, lasciando intravedere uno spazio rivelatore tra verità e finzione. In questo senso, il caso Paul Smaïl/Jack-Alain Léger è uno dei più interessanti della letteratura francofona contemporanea. Scegliendo la maschera – e il carattere della duplicità – sembra che l’autore voglia rifiutare qualsiasi appartenenza, qualsiasi etichetta, alla ricerca di uno spazio personale, quello che Homi Bhabha ha definito, riferendosi alla post-colonial literature, “il terzo spazio”. I romanzi di Smail si svolgono costantemente sul limen di una frontiera – geografica, linguistica, letteraria – decretandone allo stesso tempo il rifiuto. Ciò che sorge agli occhi del lettore è un’identità entre-deux, la volontà di restare in un luogo/non-luogo, punto di passaggio, come lo stretto di Gibilterra, elemento chiave nel romanzo La passion selon moi (1999). La volontà di non-appartenenza si traduce a livello stilistico nella mescolanza dei generi letterari, nell’accumulazione di citazioni, inserti autobiografici, racconti spezzati in una lingua volutamente frammentaria, caotica. Accumulazioni, ridondanze, riferimenti apparentemente fuori luogo seguono il filo dei pensieri dell’autore-narratore nella pratica di un divan – genere orientale “fourretout”– in bilico tra Occidente e Oriente. Una sorta di diario intimo che non ha un referente preciso, se non lo stesso autore, che non ha un pubblico preciso, se non quello di tutti coloro che vogliono leggerlo.
Per quel che riguarda la definizione di “littérature beure” si potrebbe discutere a lungo sul significato di suddividere e catalogare gli autori sulla base della loro origine, sul fenomeno di una “banlieue” problematica che ha generato tale letteratura.
L’immagine della maschera assunta da Smaïl è tuttavia interessante e meriterebbe qualche riflessione in più. Si tratterebbe forse di una sorta di protezione dell’autore, dal momento che nei romanzi, soprattutto, Ali le magnifique, si scatena una vera e propria accusa all’establishment francese; o, forse, della volontà di parlare solo attraverso i romanzi, restando al riparo dell’anonimato. Secondo lo stesso J.-A. Léger, questa strategia gli ha permesso di essere giudicato per ciò che scrive e non per ciò che è. “Restez romanesque!”, diceva una delle lettere a lui indirizzate da un’ammiratrice. “Ne vous montrez jamais!”
Tuttavia, bisogna riconoscere che la scelta dello pseudonimo non è del tutto innocente, così come non lo è quella di assumere un’identità beure in un universo editoriale che ricerca il “beur” come il marchio dell’identità problematica. Il caso letterario di Smaïl rimane emblematico: esso mostra in modo evidente che le letterature francofone, dopo essere state a lungo influenzate dal canone occidentale, sono ormai in grado di generare modelli, a loro volta imitati dall’Occidente.

Inizio pagina

Home | Archivio | Cerca

Archivio

Anno 1, Numero 5
September 2004

 

 

 

©2003-2014 El-Ghibli.org
Chi siamo | Contatti | Archivio | Notizie | Links