El Ghibli - rivista online di letteratura della migrazione

Nota biografica | Versione lettura |

an t'ho mai scrétt 'na canzunètta - non ti ho mai scritto una canzone

luisa ragagni

An t'ho mai scrétt 'na canzunètta
E d'ètra pèrt c'sa possia dir?
In ste foi bianc c'sai scrivia in vètta,
che vent ann fa i um pèr'n air ?

Ai vrévv 'na cosa originèl:
parol mai stèdi scritti préma,
frès un poc fora dal normèl,
che i strécchen un po' al cor e i faghen réma.

Però s'ai pèns, sèmper piò am pèr,
che dal parol novi a in sia piò
e invézi a vrévv quèlc cosa d'an scurdèr,
che quand t'al sént, at possa tirèr so!

Po' at guèrd e a um passa par la mènt
Ch'basta un'ucciè e sobit as capèn,
parchè,anch s'a s'è in mèzz a tanta zènt,
an serven al parol quand as vol bèn.

Sa vut ch'at déga, che at vèd un poc cambiè?
Un quèlc fil bianc ch'al lus int i cavi,
'na quèlc rughètta? Però quand a um son spciè
ai ho vést che a sèn tott du long a ch'la vi !

An t'ho mai scrétt 'na canzunètta
E forsi mai t'l'ascultarè
E ste foi bianc l'avanza invitta
parché dèntr'al mi cor a l'ho stampè!.


Non ti ho mai scritto una canzone
e d'altra parte cosa posso dire?
Su questo foglio bianco cosa scrivo?
che vent'anni fa mi sembrano ieri?

Vorrei una cosa originale:
parole mai state scritte prima,
frasi un po' fuori dal normale,
che stringano un po' il cuore e facciano rima.

Però se ci penso sempre più mi pare,
che parole nuove non ce ne siano più
e invece vorrei qualcosa da non scordare,
che quando lo senti ti possa tirar su!

Poi ti guardo e mi passa per la mente
che basta un'occhiata e subito ci capiamo,
perché anche se si è in mezzo a tanta gente,
non servono le parole quando ci si vuole bene!

Cosa vuoi che ti dica, che ti vedo un po' cambiato?
Qualche filo bianco che brilla tra i capelli,
qualche rughetta? Però quando mi sono specchiata
ho visto che siamo tutti due sulla stessa via!
Non ti ho mai scritto una canzone
e forse mai l'ascolterai,
questo foglio resterà bianco sopra,
perché dentro al mio cuore l'ho stampata!

Inizio pagina

 

com una foja - come una foglia

luisa ragagni

Com una foja a vrévv vulèr,
da un fil ed vènt lassèrum purtèr,
in èlt, piò in èlt,ancora piò so,
e un valzer lènt ballèr con lò.

Com una foja, senza pinsir,
passèr soura i camp, soura i sintir,
tra piroètti e longhi planè,
basèr i cavi d'un fandsén incantè.

Com una foja prillè da un fullètt,
spcièrum, sfiorand alzira un laghètt
e imbarbajèda da un ragg ed soul
turnèr piò in èlt ancora in voul.

Com una foja a vrévv murir,
in mèzz a un bèl prè tra gli ètri finir,
caschèr sotta a un alber e, in mèzz al radis
truèr al mi pèzz ed paradis!


Come una foglia vorrei volare,
da un filo di vento lasciarmi portare,
in alto, più in alto, ancora più su
e un valzer lento ballare con lui.

Come una foglia, senza pensieri,
passare sui campi, sopra i sentieri,
tra piroette e lunghe planate,
baciare i capelli di un bambino incantato.

Come una foglia presa in un vortice,
specchiarmi,sfiorando leggera un laghetto
e abbacinata da un raggio di sole
tornare più in alto, ancora in volo.

Come una foglia vorrei morire,
in mezzo ad un bel prato, tra le altre finire,
cadere sotto un albero e, in mezzo alle radici,
trovare il mio pezzo di Paradiso!

Inizio pagina

 

témp muderen - tempi moderni

luisa ragagni

Al bèl culour 'd sèppia 'd 'na fotografi
Catèda par chès in fond a un cassètt,
Li con la stanèla ch' lì arriva in ti pi,
cultén 'd pézz ch' al sponta da sotta al curpètt.

Invètta alla testa 'na trèzza arvuiè
Ch' la fa un bèl girtén ed cavi biundén,
surris un poc témid, appèna azzennè
un sguèrd adorant p'ral so bèl zuvnén.

Lò invezi tott séri e un po' imbarazzè,
bafién da sparviero,in tèsta al capèl,
divisa lusènta dal gran ch'l'è stirè,
piò èlt d'una spanna:l'è propri un sturnèl!

'Na coppia caréina, ch' la fa tenerèzza,
du zuven ambrus acsé innamurè,
al man che i se sfiouren in una carèzza,
però con pudour e quèsi arduppè.

A métt vi la foto e a guèrd contr'al mur
E ateis alla porta al sèt cus'ai è?
Un bèl calendari ed tott i culur,
con sovra una dona ch' l' um pèr propri svté.

Un vèil ch'al fa fénta ed cruver al pètt,
'na man, però averta, davanti, piò in bass,
sdraiè con un omen tott nud sovra al lètt
e a um dmand . dovv andrègna a finir ed ste pass?

L a'né brisa invidia, a v'al poss zurèr,
però a sòn sicura ch'al n'è gnanc normèl
acsé nud da tott fères fotografèr
e an voi zertamènt gnanc fèr d'la morèl.

Al massum, s'a voi, con un bèl grimbalén,
int al mi calendari a pré fèr di turtlén!


Il bel color seppia di una fotografia,
trovata per caso in fondo ad un cassetto,
lei con la sottana che arriva ai piedi,
colletto di pizzo che spunta da sotto il corpetto.

Sulla testa una treccia arrotolata
che fa un bel girotondo di capelli biondi,
sorriso un po' timido, appena accennato,
uno sguardo adorante per il suo bel giovanotto.

Lui, invece, tutto serio e un po' imbarazzato,
baffetti da sparviero, in testa il cappello,
divisa lucida da quanto è stirata,
più alto di una spanna: è proprio un ragazzone!

Una coppia carina, che fa tenerezza,
due giovani fidanzati così innamorati,
le mani che si sfiorano in una carezza,
però con pudore e quasi di nascosto.

Metto via la foto e guardo contro al muro,
vicino alla porta sai cosa c'è ?
Un bel calendario di tutti i colori,
con sopra una donna che pare proprio svestita.

Un velo che fa finta di coprire il seno,
una mano, però aperta, davanti più in basso
sdraiata con un uomo tutto nudo sopra al letto
e mi chiedo: dove andremo a finire di questo passo?

Non è invidia, ve lo posso giurare,
però son sicura che non è nemmeno normale,
così nudi da tutti farsi fotografare
e non voglio certamente neanche fare della morale!

Al massimo, se voglio, con un bel grembiulino,
nel mio calendario potrei fare dei tortellini!

Inizio pagina

Home | Archivio | Cerca

Archivio

Anno 1, Numero 5
September 2004

 

 

 

©2003-2014 El-Ghibli.org
Chi siamo | Contatti | Archivio | Notizie | Links