El Ghibli - rivista online di letteratura della migrazione

Nota biografica | Versione lettura |

mentre la notte

elisa kidanÚ

Questo mio corpo
stremato
lascio rollare
alla deriva.
A stento reggo
questo mio cuore
presepe ieri
d'umanitÓ
oggi fossa comune
di sogni a cataste
di aborti di promesse.

Questa mia anima
veliero sugli abissi
grondante di popoli
calpestati e di tiranni
verdi di corruzione
affonda
nella notte vana
nuda di luna.

Solo un baleno
illividisce
le trascorse mie stagioni
di rabbie e dolore
che nessuna apocalisse
seppe narrare
(Ma odo il monsone
vomitare melma
su apatie e complicitÓ)

Mentre
-follia sapiente-
la notte d'antrace
mi rende i loro volti
e incrocio i loro sguardi
il cuore dei miei popoli.
Dei miei figli.

E queste mie vene
s'inebriano
di forze arcaiche
e un dio ignoto
riconosciuto viene
a danzare sulla mia fronte.

Stremata
-vinta no-
lascio gli oceani
che sospingano
questo mio corpo
sotto altri orioni
mentre la notte
bella del mio colore
mi sussurra storie
di prossime aurore.

E con vigore
che non sapevo
sorreggo
questo mio cuore
sentinella
di nuove leggende.

Inizio pagina

Home | Archivio | Cerca

Archivio

Anno 0, Numero 3
March 2004

 

 

 

©2003-2014 El-Ghibli.org
Chi siamo | Contatti | Archivio | Notizie | Links